“Decreto del fare”: novità in arrivo per le tasse sulle barche

gommone_torino_diving_2Dal cd. “Decreto del fare”, approvato dal Consiglio dei Ministri n. 9 del 15 giugno 2013, novità in vista anche per i subacquei e, soprattutto, per i diving.
L’art 23 del predetto decreto stabilisce, per quel che ci interessa, che le lettere a) e b) del secondo comma dell’art. 16, comma 2 del D.L. 6 dicembre 1011 n. 201 (Disposizioni per la tassazione di auto di lusso, imbarcazioni ed aerei), successivamente convertito con modificazioni dalla L. 22 dicembre 2013 n. 214, sono soppresse.

Ciò comporta in particolar modo che le unità da diporto fino ad una lunghezza di 14 metri non saranno più soggette al pagamento di una tassa annuale nelle misure di seguito indicate.

Gli importi per le unità da diporto fino a 20 metri invece sono state sensibilmente ridotte: dai 1.740 Euro per le unità con scafo di lunghezza da 14,01 a 17 metri si passa a 870 Euro; dai 2.600 Euro per le unità con scafo di lunghezza da 17,01 a 20 metri si passa a 1300 Euro.
Ovviamente è il testo approvato dal Consiglio dei inistri che dovrà essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e che poi dovrà iniziare l’iter parlamentare per la conversione. Vi terremo aggiornati.

- avv. Thomas Tiefenbrunner -